LA POSA DEL LEGNO

Francesco Stronati - Mapei

     
Il legno è un materialie estremamente sensibile all'umidità, e pertanto richiede un'accurata posa in opera su un supporto adeguatamente e permanentemente asciutto.

Esistono diverse tecniche di posa di una pavimentazione in legno e in questo articolo verrà esclusivamente discussa la posa del legno con adesivo su sottofondi cementizi o pavimenti ceramici pre-esistenti.

Prima di eseguire la posa del legno, è necessario realizzare un massetto cementizio planare su soletta solitamente irregolare. All'atto della posa del legno, il massetto deve presentare le seguenti caratteristiche:

  • un residuo di umidità che normalmente non deve essere superiore al 2-2.5% in peso.
  • una resistenza meccanica a compressione non inferiore a 20 MPa.
  • la sua superficie dovrà risultare priva di polvere, lattime di cemento e quant'altro possa inficiare l'adesione del collante utilizzato. Inoltre, esso dovrà essere sufficientemente planare in modo da poter posare il parquet applicando uno strato uniforme di adesivo.

Nella realizzazione dei massetti è importante attenersi alle seguenti regole:

  1. stendere tra il substrato (solaio o pavimentazione) ed il massetto uno strato di scorrimento costituito, ad esempio, da fogli di politene per creare una valida barriera vapore nei confronti dell'umidità di risalita capillare che dal substrato tenderebbe ad interessare il massetto con conseguenti gravi rischi per la stabilità della pavimentazione. La barriera deve essere risvoltata lungo le pareti perimetrali e lungo i pilastri per un'altezza pari allo spessore del massetto, che non deve essere inferiore a 4 cm.
  2. impiegare una rete elettrosaldata nel caso in cui il massetto venga posizionato al di sopra di strati comprimibili (esempio: strati di isolamento termico ed acustico).



Posa di listoni di legno con adesivo poliuretanico

Con tale soluzione viene realizzato un sottofondo totalmente desolardizzato dalla struttura. Ciò significa che piccoli movimenti di assestamento di quest'ultima non interferiscono con la pavimentazione finale rivestita in legno, garantendone la stabilità nel tempo.

Tra la realizzazione del massetto con i tradizionali conglomerati cementizi e la posa del legno normalmente intercorre un periodo di tempo, variabile da 60 a 90 giorni, che occorre per ridurre l'umidità residua nel massetto ai valori richiesti di 2-2.5%. E' possibile ridurre questi tempi utilizzando, nella realizzazione dei sottofondi, speciali leganit idraulici che permettono un asciugamento molto rapido e quindi la posa del parquet anche dopo solo 24 ore.

Spesso il piano di posa può risultare non sifficientemente planare per ricevere la pavimentazione. In tal caso è necessario l'utilizzo di materiali rasanti e molto spesso autolivellanti che debbono essere caratterizzati da elevata adesione al sottofondo, elevate resistenze meccaniche ed un rapido asciugamento. L'operazione di livellatura deve essere eseguita quando il sottofondo possiede una umidità residua tale da essere idoneo alla posa del legno per evitare che l'applicazione della rasatura ostacoli l'asciugamento del massetto sottostante.

Principalmente esistono due differenti tipi di adesivo per la posa del legno: bicomponenti a base poliuretanica o epossidica, e monocomponenti in emulsione acquosa a base vinilica.

Questi ultimi vengono utilizzati normalmente per la posa di legni di piccolo formato, quindi maggiormente stabili nei confronti dell'umidità, posati in opera su supposti assorbenti.

Gli adesivi a base poliuretanica ed epossidica sono più versatili in quanto, non contenendo acqua, possono essere utilizzati per la posa di tutti i tipi di legno.

L'applicazione dell'adesivo viene eseguita mediante spalmatura sul supporto con spatola dentata. La dimensione dello spessore del dente della spatola deve essere scelta agguratamente. Essa deve aumentare all'aumentare delle dimensioni del listello da posare in opera, ed all'aumentare delle irregolarità del fondo: infatti, in questo caso è necessario utilizzare maggiori spessori di adesivo per rendere planare e regolare in letto di posa. Durante la stesura dell'adesivo si deve evitare che esso venga applicato sui bordi dei listelli, al fine di permettere ai singoli listelli liberi movimenti di deformazione.

Occorre anche prevedere giunti di dilatazione, di almento 1 cm di spessore, tra pareti perimetrali e pavimentazione. Questi assicurano che movimenti di dilatazione del legno non inneschino fenomeni di compressione nella pavimentazione con conseguente distacco.

Ad indurimento avvenuto dell'adesivo (dopo 1-2 giorni dall'applicazione per i biocomponenti, e dopo 20 giorni per i monocomponenti) è possibile procedere alla levigatura della pavimentazione e al suo trattamento con vernici o cere.

E' possibile eseguire una pavimentazione in legno direttamente in sovrapposizione ad una pavimentazione in ceramica, (purchè risulti adeguatamente ancorata) seguendo le modalità precedentemente descritte e utilizzando unicamente adesivi poliuretanici. E' anche importante curare perfettamente la pulizia del supporto ceramico con acqua e soda causica e, qualora la preesistente superficie non sia adeguatamente planare, occorre eseguire la livellatura con i rasanti e quindi procedere alla posa del legno con le modalità sopradescritte.

Per un apporfondimento sulla posa del legno e della pietra si può consultare il libro "Do-it-yourself flooring" di B.J. Braash e D. Rutherford, Ed. Lane Publishing, California, USA, 1982.